Partecipa a Montenero Notizie

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Dramma di un 13enne a san Paolo, rinviato anche il Consiglio comunale

La riunione in programma stamattina annullata anche perché la sindaca sta partecipando alle indagini sull'accaduto: malore o scossa elettrica? Prima del rinvio anche le immancabili polemiche

Condividi su:

MONTENERO DI BISACCIA. Causa forza maggiore e gravi motivi salta la seduta del Consiglio comunale di stamattina, che si prevedeva bollente. Ieri sera un ragazzo di 13 anni ha avuto un incidente o un malore, non è ancora chiaro, alla festa di san Paolo e per questo in apertura di riunione il presidente del Consiglio Nicola Marraffino ha ceduto la parola alla sindaca. Simona Contucci, visibilmente provata, ha spiegato che dopo il dramma di ieri sera, sia per rispetto sia perché lei poco dopo avrebbe dovuto lasciare la seduta, era meglio rinviare. Ne è seguita una riunione dei capigruppo, al termine della quale è stato votato all'unanimità il rinvio.
Quanto al ragazzo, resta tutta da chiarire la dinamica dell'accaduto. Quel che è certo è che intorno alle 22:30 è stato necessario soccorrerlo, cosa che dapprima hanno fatto persone che si trovavano lì accanto, subito dopo è arrivato il 118 dalla vicina postazione. Per una decina di minuti i sanitari sono intervenuti per rianimare e defibrillare, poi il trasporto al San Timoteo di Termoli. Qui vista la gravità delle condizioni, si è deciso per l'immediato trasferimento alla rianimazione pediatrica di Foggia, dove il ragazzo è tuttora ricoverato. E' al momento sedato e le sue condizioni sono definite gravi ma stazionarie. Da capire, come detto, cosa sia accaduto. 
Malore o folgorazione? Sul posto ieri sera e stamattina al lavoro i tecnici per capire se il giovane abbia preso una scossa elettrica, come si è ipotizzato. Ma in tal senso, secondo indiscrezioni, non vi sarebbe nessuna certezza, almeno stando ai controlli fatti ieri sera stessa e stamattina. In sintesi non si capirebbe, se di scossa si è trattato, da dove sia arrivata, visto che il lampione "incriminato" risulterebbe in ordine. Aspetti che dovrà chiarire l'indagine in corso, alla quale presiede anche la sindaca Simona Contucci.
Le polemiche in Consiglio. Anche se il rinvio è stato votato all'unanimità, i battibecchi non sono mancati nemmeno stavolta, benché sfuggiti alle telecamere dello streaming, poiché la seduta in quel momento era sospesa. Fra i quattordici punti in agenda c'erano diverse interpellanze dei consiglieri di minoranza Fabio De Risio e Gianluca Monturano, tre delle quali riguardanti il South Beach. Già, sempre il mega progetto alla marina dove adesso non c'è niente e si vorrebbero, condizionale più che mai d'obbligo, edificare cinque milioni di metri cubi. Molto atteso, inoltre, l'ultimo ordine del giorno, che si sarebbe dovuto tenere a porte chiuse e che tante polemiche ha scatenato in questi giorni. Tutto da rinviare, quindi, ma i problemi sono sorti quando De Risio ha dato indicazioni abbastanza precise (pare perfino l'orario) su quando. E' successo in un attimo, da una parte il presidente Marraffino a dire "avete perso le elezioni volete comandare quando tenere il Consiglio e non venite nemmeno alla capigruppo", dall'altra Monturano e De Risio a definire con "vergogna!" certo comportamento. L'alterco è andato avanti per un paio di minuti, allargando la discussione anche all'odg segreto, all'intervento del prefetto, la cui missiva però ancora non sarebbe arrivata a Marraffino, al regolamento che non si conosce. "Non sai neanche leggere!", così all'indirizzo del presidente del Consiglio comunale. E dire che stavolta il South Beach, che ogni volta pare far crescere una piantagione di ortiche nella sala consiliare tanto dà prurito, non è stato menzionato.
"L'ennesimo show" hanno commentato quasi all'unisono i due consiglieri di minoranza uscendo.
I capigruppo in riunione per decidere sul rinvio

Monturano e Marraffino durante il battibecco

De Risio e Monturano

Condividi su:

Seguici su Facebook